Bere caffè e mangiare verdure riduce il rischio di tumore

Se bere troppi caffè ci preoccupa, dobbiamo ripensarci.

In particolare se durante la giornata i nostri espresso accompagnano pasti a base di verdura e snack di frutta.

Bere caffè e mangiare verdure riduce il rischio di tumore

Gli scienziati dell’Università di Navarra e dell’Università di Jaén, in Spagna, hanno esplorato il legame tra la qualità della dieta e lo sviluppo del carcinoma della mammella, scoprendo che un alto apporto di acido idrossicinnamico, particolarmente concentrato nel caffè, nella frutta e nella verdura, è in grado di ridurre significativamente il rischio di contrarre la malattia.

I ricercatori hanno preso un campione di 11.028 donne chiedendo loro di condividere informazioni sulle abitudini alimentari, da cui il team ha calcolato l’apporto medio del consumo dell’acido in questione. Le donne sono state interpellate nuovamente a distanza di 12 anni dalla prima ricerca e i ricercatori hanno messo a confronto le loro condizioni di salute.

Secondo i risultati, le donne che consumavano un elevato apporto della sostanza correvano un rischio inferiore del 60% di sviluppare un tumore al seno. L’attenzione degli scienziati si è incentrata in particolare sugli acidi clorogenici, che avevano l’effetto più forte.

«Un apporto più alto di acidi idrossicinnamici, soprattutto quelli di tipo clorogenico – presente nel caffè, nella frutta e nelle verdure – è associato ad un più basso rischio di cancro nelle donne in menopausa», spiegano i ricercatori.

Riguardo allo studio, Susannah Brown, a capo dell’associazione per la ricerca mondiale contro il cancro World Cancer Research Fund, ha aggiunto:

«Questo studio è molto interessante perché conferma l’importanza di consumare una dieta ricca di frutta e verdura per prevenire il tumore. Inoltre, indica anche alcune delle potenziali ragioni di base per cui la frutta e la verdura sono cibi che ci proteggono contro il cancro».

La ricerca è stata recentemente presentata al congresso europeo sull’obesità tenutosi a Glasgow, in Scozia.

Testo © Cover Media

Image © Giorgio Fochesato/Westend61/Cover Images

2019-05-11T23:17:02+01:00 11-5-2019|benessere|