Gigi Hadid e Halima Aden portavoce Unicef per CR Fashion Book

Il numero di settembre di CR Fashion Book è dedicato all’Unicef, e immortala Gigi Hadid e Halima Aden.

La doppia copertina, ritrae le due modelle con indosso giacche beige multitasche aperte su T-shirt col logo del Fondo per l’Infanzia, mentre nell’intervista di accompagnamento, entrambe svelano alla rivista qual è il fattore che le lega ai rifugiati che in questo periodo chiedono asilo in tutto il mondo.

«Mio padre (lo sviluppatore immobiliare di L. Mohamed Hadid) era un rifugiato siriano», ha condiviso Gigi Hadid, ed è attualmente in Bangladesh con l’UNICEF.

«È nato a Nazareth, in Palestina, la settimana in cui la sua famiglia fu cacciata si trasferirono in Siria. Penso lui avesse circa una settimana. Pensare a quello che le nostre famiglie hanno fatto per noi mi fa venire la pelle d’oca».

Halima, che invece è diventata la prima modella di alto profilo ad indossare un hijab in passerella così come negli shooting, racconta a CR Magazine com’è stato vivere nel campo profughi keniota, prima che lei e la sua famiglia si trasferissero in America.

«Avevo sei anni e ricordo ancora il cartello dell’UNICEF e ogni singolo missionario che è venuto al campo. Ho dimenticato i nomi, ma non posso mai dimenticare come mi hanno fatto sentire», ha condiviso la 20enne.

L’editrice di CR Fashion Book Carine Roitfeld ha dichiarato a The Hollywood Reporter di voler promuovere il lavoro di UNICEF USA in risposta alle notizie internazionali, e perché ci sono «più bambini sfollati nel mondo ora che nella II Guerra Mondiale».

© Cover Media

Image Gigi Hadid by © Derrick Salters/WENN.com

2018-09-18T15:41:17+02:00 26-8-2018|moda|